Gli add-on al guardaroba.

Più aumentano i centimetri di girovita, più diminuiscono gli outfit realizzabili attingendo dal vecchio repertorio.

Se da un lato questo è un aspetto pratico della gravidanza che ci può creare qualche problema, dall’altro rappresenta una ghiotta occasione di shopping, della quale io personalmente ho approfittato con piacere ma anche con una certa dose di buon senso.

Premetto che la crescita della pancia, molto graduale e ancora “sotto media”, mi ha permesso di posticipare la resa dei conti con il guardaroba e ancora oggi riesco a utilizzare gran parte dei miei capi “standard”. Tuttavia, a partire dal quinto mese, ho avuto anch’io l’esigenza di qualche add-on.

Prima di lanciarmi in uno shopping dissennato ho però cercato di analizzare di che cosa potessi avere effettivamente bisogno, in base alle mie abitudini e al mio stile, inteso come stile di vita e “di fashion”.

Le mie giornate hanno di solito una parte professionale, nella quale è richiesto un abbigliamento più formale, da ufficio, anche se non particolarmente ingessato, e una parte ludica, nella quale incontro gli amici per un aperitivo o una cena, vado al cinema o a un concerto, o faccio un’uscita a due. Molto raramente, fra l’ufficio e il “dopo”, riesco a passare da casa per cambiarmi, così nel tempo ho sviluppato uno stile che con l’aggiunta di un accessorio o la sostituzione di un solo capo mi permette di passare dal lavoro al tempo libero, senza sforzo e sentendomi sempre a mio agio.

Pantalone skinny nero, camicia bianca, blazer e décolleté, perfetta tenuta da ufficio, si trasformano nell’outfit per un apericena, semplicemente sostituendo la camicia con una t-shirt con una stampa divertente e la décolleté con un sandalo in estate o un ankle bootie in inverno.

Abitino con gonna a tulipano e giacca sfiancata diventano perfetti per il teatro, aggiungendo una collana “protagonista” ed eventualmente sostituendo la giacca con un cache-coeur.

Quindi ho cercato di ritrovare, in versione premaman, quei capi base, versatili, che mi accompagnano dall’alba al tramonto (e viceversa).

Add-on #1. Pantaloni skinny neri
Trovati perfetti da H&M! Sono tanto sostenuti da non sembrare legging, ma sufficientemente morbidi da non stringere e diventare fastidiosi se indossati dal mattino alla sera. Come ogni pantalone maternity che si rispetti, hanno una fascia elastica alta e morbida, che si adatta alla pancia man mano che questa cresce. Promossi!

skinny neri

 

Add-on #2. Jeans
Eh sì, nonostante l’età e un dress code da rispettare sul lavoro, non posso farne a meno. Li adoro, trovo che siano un capo universale, facilmente abbinabile e semplicissimo da “tirare su” all’occorrenza con il top e la scarpa giusta.
In particolare cercavo una nuance un po’ calda, da abbinare al beige oltre che al blu. Ho trovato modello e colore perfetti da Prénatal.
Promossi con riserva, solo perché dopo il primo lavaggio hanno assunto un aspetto “spelacchiato” che sta diventando sempre più evidente con l’uso.

jeans
 

 
Add-on #3. Abitino nero elegante
Questo capo mi dà l’opportunità di parlarvi di una scoperta sfiziosa. Navigando in Internet alla ricerca delle collezioni maternity delle catene più famose, mi sono imbattuta nel sito di una piccola azienda francese che realizza esclusivamente collezioni premaman, producendo in Francia, vicino a Parigi, tutti i propri capi. Il brand si chiama Envie de Fraise (trovate il link qui)e propone abiti, pantaloni, gonne, top, intimo e persino costumi da bagno, tutti pensati per gravidanza e allattamento. Mi ha colpito molto per la mission che lo contraddistingue, ossia valorizzare lo stile e la personalità della donna anche quando i cambiamenti del corpo sembrano penalizzarla. I capi sono pratici, ma non mortificano le forme e la fisicità, anzi sottolineano sempre la femminilità con dettagli trendy senza scadere nell’ostentazione e soprattutto senza essere rivolti esclusivamente a mamme “teen”.

Ovviamente mi sono lasciata tentare e ho fatto diversi acquisti.
Il primo è un abitino nero in jersey piuttosto pesante, sbracciato e con scollo rotondo, con gonna a ruota non troppo ampia e rigida. Viene venduto in abbinamento a una cintura di vernice nera, che si può indossare a diverse altezze (in vita e sotto il seno) a seconda del progredire della pancia. Acquisto eccellente, buon rapporto qualità prezzo, ideale per l’ufficio o per occasioni più formali. Per ora è perfetto, temo solo che sia un po’ troppo sfiancato e stretto in vita per l’ultima fase della gravidanza.

abito nero

 
 
Add-on #4. Abitino beige casual
Ovviamente non potevo limitarmi a un solo acquisto; così, pensando anche all’estate, ho ordinato anche un abitino in cotone leggero, con manica corta, scollo tondo, vita alta e taglio a tulipano.
Il top è progettato per essere utilizzato anche durante l’allattamento e il taglio della gonna si adatta agevolmente alla crescita della pancia.
L’abitino in sé è molto semplice e quasi anonimo, ma si presta a essere valorizzato con un golfino intrecciato, una collana etnica e un paio di sandali con plateau o, per le più slanciate, con uno rasoterra.
Qui lo indosso con sandali Bruno Premi, collana in pietre e metallo hand-made e cappello vintage.

DSC_0042

Per il momento, il mio shopping prémaman si ferma qui, ma sto già facendo la corte a un costume da bagno… acquisto che spero di perfezionare nei prossimi giorni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...